MrProfit segnala...
TRADING SYSTEM
Anno XVI - n. 607, 20.11.2019
puntatoreChi Siamo puntatoreAdvertising puntatoreDisclaimer puntatoreFaq puntatoreMappa puntatoreMission    
Torna alla Home Page

Ricerca

Cosa cerchi sul Magazine di MrProfit?





   Area Riservata

 User:

 Password:




Registrazione gratuita

Password dimenticata?

Formazione
Corso di Analisi Tecnica


News - News
NewsBOOKS, BOOKS, BOOKS, i migliori testi di Analisi Tecnica...
NewsSerie storiche GRATIS: future sul FTSEMib aggiornato a Settembre 2011...
NewsMiFID - In dettaglio la Markets in Financial Instruments Directive...
Indice

Help
Verifica le tue conoscenze






MrProfit segnala...

MrProfit segnala...
Analisi Tecnica Nozioni di base

Introduzione all'Analisi Tecnica: i concetti base della disciplina (2).
puntatoreI concetti base della disciplina.
Analisi Tecnica

   L'Analisi Tecnica si basa sull'osservazione della situazione di mercato e dei relativi titoli, a differenza dell'Analisi Fondamentale che basa le proprie valutazioni su previsioni e stime relative all'andamento economico delle aziende esaminate, non approcciando il mercato nel suo insieme.

   La premessa è quindi basata sull'assunzione che i prezzi espressi dal mercato indicano la sintesi ideale di tutte quelle cause che concorrono alla formazione dei prezzi stessi, cause che non necessariamente vanno ricercate ed analizzate, atteso che il prezzo esprime tali informazioni, esse sono insite in tale espressione quale valutazione finale dell'incontro tra domanda e offerta. E' quindi giusto affermare che poiché il mercato tende a movimenti ciclici in direzioni ben definite, in base a schemi dettati dagli operatori, osservando le evoluzioni passate si può verosimilmente prevedere gli andamenti del mercato stesso che tendono a ripetersi nel tempo, con cadenze più o meno regolari. Lo studio dell'andamento dei prezzi nel tempo, attraverso l'analisi grafica, ha il fine di prevedere l'evoluzione futura al fine di identificare un cambiamento di tendenza ad uno stadio iniziale per profittare della tendenza stessa fino a quando non si è invertita.

   Considerare le serie storiche dei prezzi e dei volumi di negoziazione, permette di individuare con buona approssimazione i punti d'inversione dei cicli e la durata delle varie fasi di tali tendenze, agevolando le negoziazioni ed il loro timing. Gli obiettivi che l'analisi tecnica si pone sono fondamentalmente l'individuazione del momento di ingresso e di uscita dal mercato, possibilmente al nascere della tendenza, verificando il ripetersi di situazioni grafiche accompagnate da particolari movimenti nei prezzi. Questo tipo di valutazione è possibile in qualsiasi mercato, avvantaggiando l'operatore specie su quelli caratterizzati da una spiccata direzionalità; il fine è quindi quello di stabilire valide relazioni, riferite a qualsiasi orizzonte temporale, che possano supportare tecniche di trading basate su pochi elementi quali prezzi e volumi scambiati, allo scopo di individuare l'inizio di un ciclo e la sua evoluzione, per poterlo seguire in modo proficuo sino al verificarsi di un'inversione.

Analisi Tecnica

   L'analisi tecnica si fonda quindi sulla teoria che i mercati si muovono nell'ambito di cicli definiti, caratterizzati da fattori di natura economica, monetaria, politica e psicologica; la disciplina studia l'evoluzione interna del mercato, atteso che questo sia efficiente, considerato che l'azione dei prezzi tende a riflettere le reazioni degli investitori al diffondersi di informazioni inerenti accadimenti di natura economico/monetaria e di carattere politico di grande impatto. Queste informazioni nel tempo tendono ad essere ripetitive, specie allorquando sono riferite agli stessi fenomeni, implicando reazioni (errate o meno) ripetute nel tempo ed interpretabili in modo compiuto dagli analisti.

   I principi cardine dell'analisi tecnica, che tra l'altro può essere applicata a qualsiasi asset (azioni, tassi, commodities,indici, ecc.), sono legati ad alcuni concetti fondamentali:
* il prezzo viene determinato dall'incontro della domanda e dell'offerta e sconta tutte le informazioni disponibili;
* le due variabili sono riferibili a fattori a volte razionali a volte meno;
* il prezzo di un valore si muove in un trend che dura per periodi di tempo apprezzabili;
* i trends mutano al cambiamento dell'equilibrio tra domanda ed offerta e sono validi sino a quando non appaiano segnali d'inversione;
* questi mutamenti sono rilevabili dai grafici, a prescindere dalle cause che li hanno determinati;
* alcune leggi empiriche riscontrabili sui grafici in genere tendono a ripetersi, come il comportamento degli investitori che è ricorrente e si ripete nel tempo.

   Ci sembra superfluo sottolineare che l'analisi tecnica non è una disciplina infallibile, ma costituisce uno strumento a nostro avviso indispensabile per ogni investitore, in quanto lo aiuta in primo luogo a limitare il proprio rischio e contemporaneamente ad incrementarne i profitti: l'analista tecnico, anziché studiare le variabili che vanno ad influenzare i corsi, studia i prezzi stessi, poiché essi reagiscono alla forza fondamentale dominante. Se è vero, come è vero, che in Borsa non esistono scienze esatte per prevedere crolli o rialzi e che tutti i partecipanti al mercato vengono coinvolti da questi eventi, l'analisi tecnica aiuta l'operatore in quanto gli permette di valutare la direzione del trend in atto, generalmente consentendo l'individuazione di livelli di ingresso ed uscita dal mercato attorno a livelli di prezzo prevedibili.






Stampa questa pagina

Hai bisogno del Glossario...?




© Copyright 1998 - 2018 MrProfit ® - Tutti i diritti riservati.
5 Utenti Connessi